le verità nascoste

Antonino Candela ha vissuto tra il 1897 e 1971 ed era originario di Montelepre. Nel corso della vita fu proprietario di un azienda agricola e se ne occupò con passione e devozione. Le colture principali furono uva da tavola, vite da vino, ulivi e frutta. Dagli abitanti di Grisì fu riconosciuto a suo tempo come un uomo arguto, astuto, forte, rigoroso e autorevole. Per queste sue capacità, a quel tempo molto utili, fu nominato amministratore di un’azienda agricola, considerata fra le più importanti tenute di Grisì. L’azienda operava nelle campagne della contrada Strasatto, di proprietà di una nota famiglia di Palermo. Diventato uomo di fiducia della famiglia si occupò della gestione amministrativa, del personale e del controllo del territorio del feudo. Fu anche impegnato nello sviluppo della borgata e venne considerato uno fra gli uomini più conosciuti della frazione di Grisì.

____________________________________________________________________________________________________________________________

Salvatore Candela visse tra il 1922 e 1994 ed era il figlio secondo genito di Antonino Candela. Salvatore nel corso della sua vita fu produttore, viticoltore, vignaiolo, commerciante di vino, di tessuti e referente politico della borgata di Grisì al Comune di Monreale per oltre trent’anni. Fu proprietario di un azienda agricola e di una cantina privata e, dalle ottime capacità dimostrate nel corso della sua vita, ha garantito la gestione dell’azienda, la coltivazione di vigneti e uliveti, la trasformazione dei prodotti e la commercializzazione dei mosti e dell’olio. E’ stato fondatore di una cooperativa sociale che ha lavorato le uve dei diversi produttori della zona per circa vent’anni ed ha garantito il commercio dei mosti instaurando collaborazioni commerciali nazionali e internazionali. Anche lui come il padre è stato impegnato nello sviluppo socio-economico e culturale della frazione di Grisì. E’ stato anche Segretario Generale della Democrazia Cristiana a Monreale.

____________________________________________________________________________________________________________________________

La Dott.ssa Santa Rita Matilde Candela, nacque a Monreale il 1 agosto 1949 e scomparì improvvisamente nel sonno il 7 gennaio 2018. Era figlia di Salvatore Candela e nipote del nonno Antonino. E’ stata educata Istituto Santa Lucia in via Principe di Belmonte a Palermo gestito dalle monache fino all’età di 18 anni e si è poi laureata in lettere moderne a pieni voti nella capitale siciliana. E’ stata per tutta la vita una docente di italiano e matematica in diverse scuole primarie di Grisì, Balestrate e Alcamo. Portò avanti una carriera da insegnante rigorosa e integerrima ed educò oltre 500 alunni, diventati poi, la maggior parte, professionisti impegnati in diversi settori. Ha vissuto ad Alcamo ed è stata impegnata il molti progetti artistici, economici e sociali rivolti ai bambini. Innamorata di Grisì, sua terra d’origine, dopo la pensione sognava di ritornare a Grisì per trascorrere le vacanze e per vedere l’azienda di famiglia nuovamente attiva.

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Saverio Rubino nasce a Palermo l’11 novembre del 1986 ed abita ad Alcamo. E’ il figlio secondogenito di Santa Rita Candela, nipote di Salvatore Candela e pronipote di Antonino Candela. Diplomato all’Istituto Tecnico Girolamo Caruso di Alcamo, all’età di 19 anni decide di trasferirsi a Verona per intraprendere gli studi nella facoltà di Economia e Management d’Impresa. Avendo una forte vocazione territoriale ed essendo innamorato della Sicilia, non riesce a proseguire gli studi in una terra senza sole e si trasferisce nella facoltà di Economia & Finanza di Palermo. Nel frattempo si presenta l’occasione di un impiego per una società per azioni che gestisce l’aeroporto internazionale Vincenzo Florio di Trapani Birgi. Dalle ampie esperienze in ambito lavorativo e personale, Saverio ha maturato diverse competenze gestionali ed oggi è l’amministratore unico dell’Azienda Agricola Candela – Santa Rita. E’ anche impegnato in ambiti sociali ed è stato Prefetto del Rotary Club di Alcamo. Il suo sogno: vedere Grisì venire considerata come uno dei borghi più belli d’Italia e di far crescere l’Azienda Agricola Candela – Santa Rita dedicata alla memoria della madre, di cui era profondamente innamorato.

Location

ANTONINO CANDELA

1897

Location

SALVATORE CANDELA

1922

Location

SANTA RITA CANDELA

1949

Location

saverio rubino

1986